News

Formazione, al via un percorso di crescita per i dipendenti

Feb 13, 2020

Il rinnovo del contratto integrativo, congelato dal 2010 e l’investimento in un piano di formazione che coinvolgerà tutti i 37 dipendenti: il 2020 si apre con due importanti novità per il personale di Fiera di Padova.

Dopo anni segnati da turbolenze e momenti di incertezza, per segnare “un cambio di passo” la nuova gestione ha individuato nell’investimento sulle competenze e sul clima aziendale il presupposto irrinunciabile per il rilancio dell’attività.

Ecco che, dopo aver chiuso il percorso negoziale per il nuovo contratto integrativo, che prevede fra l’altro l’introduzione di un piano Welfare aziendale e dei premi di risultato, nei prossimi giorni prenderà il via un piano formativo con un’articolazione complessiva di oltre 50 giornate.

Due le direzioni di investimento del piano: accanto alla formazione dedicata alle competenze tecniche, percorsi specifici per il rafforzamento di quelle che vengono definite le “soft skill” ovvero competenze come la capacità di gestire il cambiamento, il team building, le competenze comunicative…

«In un contesto attraversato da cambiamenti velocissimi la formazione è un elemento chiave per determinare il successo di un’attività di business. Questo è ancor più vero in un settore come quello fieristico che negli ultimi anni è stato attraversato da una vera e propria rivoluzione: nuovi format, nuovi codici, nuovi linguaggi…Le trasformazioni si susseguono repentine e chiedono competenze sempre aggiornate…», spiega Luca Veronesi, direttore generale di Fiera di Padova.

I PERCORSI

La formazione tecnica coinvolgerà tutti i dipendenti e verrà modulata in base alle esigenze dei singoli, mentre la formazione relativa alle soft skill prenderà il via alla fine di febbraio e coinvolgerà principalmente le aree sales e project management. Ai diversi gruppi verranno proposti focus specifici sul tema del change management, del team bulding e della leadership, delle tecniche di comunicazione efficace e di vendita.

A questi percorsi strutturati si affianca un’attività originale, ideata con l’obiettivo di favorire lo scambio di idee e la collaborazione fra i diversi reparti: ogni giorno, a turno, un collaboratore è invitato a “pescare” da un’urna il nome di uno fra i colleghi, che per una mattinata dovrà affiancare e seguire passo passo nelle sue attività. Un “gioco” semplice che rappresenta una occasione preziosa per scoprire più da vicino in cosa consiste l’attività dei propri colleghi e di comprenderne meglio il valore.