News

Auto e Moto d’Epoca, il taglio del nastro con il presidente Zaia: «Grande occasione di ripartenza»

Ott 22, 2021

«E’ l’edizione più bella degli ultimi 10 anni». Così Mario Carlo Baccaglini, patron di Auto e Moto d’Epoca, ha salutato l’incessante flusso di collezionisti e appassionati che anche nella giornata di oggi, venerdì 22 ottobre, hanno raggiunto la Fiera di Padova per visitare la manifestazione di riferimento a livello europeo per il settore.

5000 auto esposte, 1600 espositori da 32 diversi Paesi: questi i numeri di un’edizione destinata a lasciare il segno.

L’inaugurazione, che si è svolta questa mattina, ha visto gli interventi del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, del Presidente di Padova Hall e della Camera di Commercio di Padova Antonio Santocono, del sindaco di Padova Sergio Giordani, del presidente della Provincia Fabio Bui, del presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani e del presidente dell’Automotoclub storico italiano Alberto Scuro.

GLI INTERVENTI

«Il Veneto – ha spiegato il governatore Zaia – conta un numero di collezionisti che non ha eguali in Italia. Il collezionismo dell’automotive è un presidio culturale e di identità che ha una ricaduta economica positiva nel territorio e per questo va promosso. Stiamo lentamente uscendo dalla tragedia immane che abbiamo vissuto negli ultimi 20 mesi: momenti come questo sono un segnale bellissimo e un motivo di gratificazione per gli organizzatori delle fiere, che ne avevano davvero bisogno dopo un periodo così difficile».

«Il nostro è un territorio di grandi eccellenze – ha aggiunto il presidente Santocono – siamo convinti che le fiere restino un modo di rappresentare l’eccellenza, ma sono chiamate oggi a un profondo ripensamento: il progetto che abbiamo intrapreso quando abbiamo assunto la gestione della Fiera di Padova va in questa direzione. A inizio gennaio inaugureremo il nuovo Centro Congressi, sono in corso i lavori per la live demo del Competence Center, nei prossimi giorni partirà il cantiere per la nuova Facoltà di ingegneria: l’hub dell’innovazione sta diventando realtà…».

«Padova – ha aggiunto il primo cittadino Giordani – è una città straordinaria e vedere nuovamente le code in Fiera mi rende felice. Questa è un’occasione eccezionale di ripartenza, resa possibile dal grande sforzo degli organizzatori e dalla forte collaborazione che ancora una volta abbiamo saputo dimostrare come istituzioni…».

«La ripartenza – è la riflessione proposta dal presidente della Provincia Bui – va accompagnata con le idee e la Fiera può avere un ruolo importante in questo senso».

Auto e Moto d’Epoca continua nelle giornate di domani, sabato 23 ottobre, e domenica. Per maggiori info: https://autoemotodepoca.com